LA PATINA DEL MOBILE: NON ESISTE SOLO QUELLA ESTERNA

Qualche tempo fa riflettevamo su come la patina del mobile sia una vera e propria carta di identità, quell’elemento che ne determina il suo fascino e conferma il suo essere antico.

Essa riveste tutta la superficie e durante il restauro dobbiamo essere attentissimi a proteggerla e valorizzarla. Ma non è solo esterna, anzi a volte si conserva più intatta solo all’interno del mobile e diventa l’unico indizio che abbiamo per capire se il pezzo risalga a tempi remoti.

Dunque, non dobbiamo assolutamente sottovalutare la patina interna al mobile e occuparci anche di questa durante il lavoro di restauro. Ma dove trovarla? Quando è interna essa può coprire le schiene, i cassetti, i ripiani o anche i fondi. Sono questi i punti cruciali da analizzare che ci permettono di capire molto del mobile, studiando attentamente e confrontandoli con la superficie esterna per verificare se qualcosa sia cambiato.

Ma veniamo ora al dunque: come trattare la patina interna. Dopo aver seguito i canonici passaggi che permettono di pulire il mobile e rimuovere tutti quegli elementi che vanno a nascondere la “autentica essenza” del mobile, bisogna capire come finire la superficie.

Una tecnica che andava molto in passato era quella di foderare l’interno dei mobili con la carta. Oggi però sono preferiti altri interventi come la lucidatura con la gommalacca, che ridà vita alla naturale lucentezza del legno. In questo modo il pezzo d’antiquariato sarà ugualmente splendente tanto all’esterno quanto all’interno.

La gommalacca è molto utilizzata perché è una resina naturale che protegge il legno senza comprometterne l’integrità e soprattuttopreserva la resistenza della patina esaltando le venature naturali. Tuttavia non è questo l’unico modo di trattare gli interni di un pezzo d’arredamento.

Le tecniche sono varie e cambiano in base a diversi fattori: alla qualità del legno, all’antichità del mobile, all’effetto che si vuole ottenere alla fine. Ecco perché sarebbe sempre bene affidare un antico manufatto alle mani esperte di un restauratore, che sappia riconoscere il suo valore e preservarlo, facendo ritornare all’antico splendore.

Se siete interessati anche voi a restaurare un mobile per conferirgli più fascino e valore contattate noi del centro Randolfi. Vi seguiremo con cura e competenza, mettendo a disposizione un’equipe di esperti.

 

Autore / Fonte: Staff Michelangelo Randolfi

RICHIESTA INFORMAZIONI

Accetto il trattamento dei dati personali in conformità del Regolamento UE 679/2016 (GDPR) in materia di Privacy.