TARME O TARLI? NIENTE DI PIŁ DIVERSO

Accomunate dall’etimologia, entrambe infatti la prendono dal latino “tarmes”, sono due tipologie di insettini che possiamo ritrovare nei nostri armadi…eppure non hanno nulla da spartire gli uni con gli altri. Di cosa parliamo?

Sono le tarme e i tarli, animaletti che dimorano nei nostri armadi o cassettiere per motivi diversissimi: se le prime si nutrono dei tessuti che riponiamo nei mobili, i secondi mangiano i mobili stessi. Ecco perché dobbiamo fare molta attenzione a distinguerli per poterli trattare nel modo più adeguato.

Le tarme sono lepidotteri e quindi appartengono a una diversa famiglia rispetto ai tarli che sono coleotteri. Si tratta di farfalline bianche che si nutrono di una proteina chiamata cheratina. Dove la troviamo? In piume, peli, pelle, insomma nei nostri tessuti. E qui non solo hanno di che cibarsi ma covano anche le loro uova, quindi se non vengono debellate in tempo ci sarà il rischio che si diffondano velocemente.

In cosa consistono i loro danni? Esse procurano buchi di varie dimensioni negli indumenti, nei tappeti e in tutto ciò che contiene la cheratina. Ma ovviamente sono totalmente innocue per il legno. Per liberarci di questi insettini bisogna utilizzare prodotti specifici, preferibilmente convalidati dal Ministero della Salute e sicuramente efficaci.

I tarli invece non intaccano il contenuto dei mobili ma il contenitore stesso, sempre che questo sia fatto in legno. Sono infatti detti xilofagi, cioè “mangiatori di legno”. Già dalla forma si possono distinguere facilmente dalle tarme: essi non sono farfalline e quindi non presentano ali, oltre al fatto che ne troviamo di tantissime specie diverse. Cambiano infatti non solo le dimensioni ma anche i loro habitat preferiti, che variano dalle travi fino ai mobili. Tutti loro però danneggiano gravemente il legno, creando veri e propri tunnel e depositando numerose uova.

Chiarite queste differenze abbiamo capito che per combattere i due insetti dobbiamo usare prodotti e metodologie diverse. Per i tarli pensiamo che una delle più efficaci tecniche di rimozione sia quella che si basa sulla tecnologia a microonde: veloce e sicura permette di dare nuova vita a mobili ormai infestati.

Noi della ditta di Michelangelo Randolfi ci occupiamo proprio di questo ormai da anni. Venite a trovarci se volete risolvere questo fastidioso problema affidandovi a un personale esperto e competente.

Autore / Fonte: Staff Michelangelo Randolfi

RICHIESTA INFORMAZIONI

Accetto il trattamento dei dati personali in conformità del Regolamento UE 679/2016 (GDPR) in materia di Privacy.